banner informativa dati

banner tessera opi

comunica col presidente 1

ricerca albo

banner ass

banner caf

banner PRESTIAMO

concorsi200px

logo apsilef1

cogeasp200px

banner biblioteca2

ENPAPI avvia il nuovo Contact Center2

Ogni professionista sanitario ha dei diritti e degli obblighi sulla formazione continua per cui alla fine del 2019 dovrà risultare in regola con il numero degli ECM previsti per gli ultimi due trienni, ossia il triennio 2014/16 ed il triennio 2017/2019.

Pertanto, vi invitiamo ad iscrivervi all’area privata del Co.Ge.A.P.S. al fine di verificare i vostri crediti ECM.

Ricordiamo che il Co.Ge.A.P.S. (Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie) è un organismo che riunisce le Federazioni Nazionali degli Ordini e dei Collegi e le Associazioni dei professionisti della salute che partecipano al programma di Educazione Continua in Medicina.

Secondo quanto stabilito dall’Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009, il Co.Ge.A.P.S. è “l’organismo nazionale deputato alla gestione delle anagrafiche nazionali e territoriali, dei crediti ECM attribuiti ai professionisti che fanno capo agli Ordini, Collegi nonché le rispettive Federazioni nazionali e Associazioni professionali, consentendo a questi le relative funzioni di certificazione delle attività formative svolte”.

Quindi il professionista può:

  • verificare l’ammontare dei crediti E.C.M. suddivisi per anno e tipologia di offerta formativa (formazione a distanza, residenziale e sul campo);
  • consultare un elenco degli eventi formativi per i quali ha conseguito crediti, contenente tutte le informazioni relative a ciascuno di essi.

A questo punto ci sembra doveroso fare alcune considerazioni legali sulla evasione dell'obbligo ECM per capire cosa effettivamente si rischia.

Di seguito alcuni esempi:

  1.  Sospensione dall'Ordine: Gli Ordini professionali - silenziosi per anni sull'argomento dovranno agire e sanzionare il professionista, sospendendolo dalla professione. L'omessa vigilanza configura il reato di omissione di atti d'ufficio;
  2. Le società Assicuratrici controlleranno il "ruolino di marcia della formazione ECM" e saranno certamente pronte - al momento del rinnovo annuale - ad elevare i premi annuali per coloro che non dimostreranno di essere in regola con l'aggiornamento annuale;
  3. Le società Assicuratrici non copriranno il danno causato dal professionista evasore nell'esercizio professionale in quanto lo stesso non si trova in regola con quanto prescritto dalla legge;
  4. Stop agli scatti contrattuali;
  5. Valutazioni negative.

Tutti gli Ordini Professionali hanno l'obbligo di verificare che i propri iscritti siano in regola con la formazione sia per rispettare una legge sia per dover rispettare il Codice deontologico vigente. In qualunque momento possono indirizzare agli iscritti una richiesta di "deposito crediti" onde verificare la corretta applicazione dell'obbligo. Gli iscritti, una volta convocati dal proprio Ordine, hanno l'obbligo di depositare i crediti. In caso di mancato o insufficiente deposito l'Ordine professionale (e non il COGEAPS) valuta le inadempienze e, se lo ritiene, emette il provvedimento disciplinare.

A prevedere sanzioni per chi non si aggiorna sono la legge Lorenzin 3/2017, il nostro codice deontologico e prima ancora il decreto legislativo 138 del 2011 che parla di “illecito disciplinare”.

Si ricorda, inoltre, che il 31 dicembre 2016 è scattata la proroga per il recupero dei crediti.

Pertanto per chi è rimasto indietro nel triennio 2014/2016, la Commissione Nazionale per la Formazione Continua ha concesso una proroga che permetterà a questi di rimettersi in pari con i crediti formativi.
I crediti da acquisire nel triennio 2017/2019 sono sempre 150, la novità è il diritto alla Premialità, ovvero viene premiata la regolarità formativa pregressa e cioè:

  • Per chi nel triennio precedente ha ottenuto dagli 80 ai 120 crediti, otterrà un bonus di 15 crediti. Quindi l’obbligo formativo sarà di 135 crediti per il triennio successivo (2017/2019)
  • Per chi nel triennio precedente ha ottenuto dai 121 ai 150 crediti, otterrà un bonus di 30 crediti. Quindi l’obbligo formativo sarà di 120 crediti per il triennio successivo (2017/2019).

Sono rimasti sei mesi per potersi mettere a regola. Fatelo perché, oltre ad essere un obbligo formativo e legale, ci permette di essere professionisti seri, qualificati, in grado di dare risposte assistenziali di qualità a chi ha bisogno della nostra assistenza.

 

orario opi

fb1

registrati 1

formazione

bannercorsinuovo

fad

at banner

libera professione

zoom 1